Stampa 

"Lo sport in età evolutiva è fondamentale, non solo perché è un mezzo ludico per stare insieme e socializzare, ma anche perché favorisce un corretto sviluppo ed una prevenzione da malattie di varia natura. Infatti, individui inattivi sono più portati ad aumentare il rischio di obesità, diabete, patologie cardiache, oltre che stress psicologici ed emotivi.

Gli autori di una recente ricerca sull’inattività fisica, hanno definito questa forma di sedentarietà come una pandemia globale di salute ed aggiungono che un sempre più crescente numero di bambini e adolescenti non svolgono un’adeguata quantità di attività fisica giornaliera o settimanale. Circa l’80% di questi ragazzi non svolge 60 minuti al giorno di attività fisica moderata-intensa. In particolare le bambine sembrerebbero essere meno attive dei maschi, come riscontrato da analisi svolte su 105 Stati, dalle quali è emerso che il 53% (maschi) e il 95% (femmine), non raggiungono i 60 minuti al giorno di attività moderata-intensa."

Matteo Giurato - Rivista EF n. 4-2017

Lettura riservata ai soci registrati