Cerca nel sito

Attraverso un processo di consapevolezza ed espressione corporea, si sostiene la persona ad accettare le proprie caratteristiche, a fidarsi delle proprie intuizioni e a credere nelle proprie azioni. Così facendo si mette in moto un’azione positiva che fa crescere la fiducia in se stessi stimolando le proprie forze espressive e creative. La lezione pratica sarà un'occasione per sperimentare alcune delle attività proposte e descritte nel libro.

pdf Locandina presentazione (296 KB)

Segnaliamo l'articolo: "A scuola senza sport: due ragazzi su tre non sanno fare una capriola ", pubblicato dal Corriere della sera, il primo maggio 2017. In questo link si puo vedere la video-intervista al nostro collega Gianni Alessio. http://educazionefisica.blogspot.it/2017/05/a-scuola-senza-sport-due-ragazzi -su-tre.html

Visita il sito del giornale

La Giornata svizzera dello sport scolastico si terrà quest’anno a Friburgo il 7 giugno. Si tratta della più grande manifestazione sportiva scolastica in Svizzera. Possono parteciparvi fino a 3000 allievi del ciclo d’orientamento (dai 12 ai 15 anni) dopo aver vinto i tornei eliminatori cantonali.

Visita il sito mobilesport

Lo Snep (sindacato francese dei docenti di educazione fisica) ha chiesto al ministero dell'Istruzione di rivedere i suoi programmi PE per i giovani. Fino ad ora non è cambiato niente. Lo SNEP ha deciso di pubblicare un programma alternativo di PE e di inviarlo a tutte le scuole francesi.

pdf EUPEA REGIONAL NEWS (272 KB)

Potrebbe essere possibile, nel prossimo futuro, costruire muscoli senza trascorrere ore in palestra, grazie ai ricercatori dell'Università di Augusta. Il gruppo di ricercatori seguiti da Joshua Butcher ha scoperto che la soppressione della proteina miostatina costruisce massa muscolare, ed aiuta anche la salute del cuore e del rene ed aiutare a prevenire l’obesità. I ricercatori sono partiti dal fatto che la miostatina limita la crescita dei muscoli. L'ipotesi quindi, era che con una sua maggiore produzione si avesse meno massa muscolare, e che con meno miostatina si avesse invece più massa muscolare. La ricerca è stata condotta su quattro gruppi di topi: magri e obesi con diversa produzione di miostatina. I topi incapaci di produrla, hanno sviluppato più massa muscolare, mentre quelli obesi sono rimasti tali, anche se con più muscoli. Gli animali obesi con la miostatina azzerata hanno mostrato di avere una salute cardiovascolare e metabolica simile a quella dei topi magri e di stare molto meglio dei topi obesi che producevano la proteina. Le ricerche, dei ricercatori dell'Augusta University, saranno presentate al prossimo congresso di Biologia sperimentale a Chicago. - Fonte: Medical Daily

Visita il sito della università di Augusta

"La palla è alla base di molti sport e sarebbe impensabile escluderla dalle lezioni di educazione fisica. Di seguito vi proponiamo delle lezioni originali e divertenti… con l’ausilio di palle e palloni.E anche nelle società si possono introdurre questi giochi, ad esempio nella fase di riscaldamento. Gli esercizi prendono in considerazione componenti tecniche come lanciare, prendere e palleggiare, così come le riserve condizionali e le competenze coordinative. Inoltre si può lavorare su aspetti emozionali quali la fiducia nei propri mezzi, la motivazione, la tattica e la percezione."

Visita il sito di mobilesport

"L’opinione comune è che le persone fisicamente più attive brucino più calorie di quelle meno attive. Ma gli studi più recenti dimostrano che i cacciatori-raccoglitori tradizionali, che conducono una vita di duro lavoro fisico, bruciano lo stesso numero di calorie delle persone che hanno accesso alle moderne comodità. La scoperta che la spesa energetica umana è strettamente vincolata solleva domande su come, negli esseri umani, si siano evoluti un grande cervello e altri tratti energeticamente costosi.

Nel pilates è determinante ricorrere a dei principi concreti per allenarsi in modo efficace. La respirazione e la postura sono fattori indispensabili.

Visita il sito di mobilesport

"L’acrobatica di gruppo permette di sperimentare insieme usando i movimenti del corpo. Le figure sono preparate, svolte e presentate a coppie o in gruppo. L’acrobatica di gruppo offre l’opportunità unica di raccogliere esperienze fisiche che non rientrano nei movimenti quotidiani e che possono diventare spettacolari. Una particolarità di questi movimenti, a cui occorre portare particolare attenzione nell’insegnamento, sono i contatti fisici mirati e utili allo scopo finale. Per ottenere esperienze di successo, è fondamentale essere in grado di collaborare in modo funzionale con altre persone, in quanto coppia o gruppo. Fintanto che gli aspetti legati alla sicurezza sono rispettati, non vi sono limiti per creare e provare nuove forme."

Visita il sito di mobile

Educazione in gioco è la prima pubblicazione in lingua italiana a esporre in modo approfondito la teoria della prasseologia motoria, associandola alla ricerca sul campo. Si tratta di una nuova scienza, denominata anche «scienza dell’azione motoria», che studia da un punto di vista specifico la motricità umana, il funzionamento delle pratiche corporee, i contesti socioculturali e l’effetto delle condotte motorie sulla personalità degli individui. La prima parte del volume analizza oltre 200 giochi tradizionali praticati nella Svizzera italiana nella prima metà del Novecento: vengono esaminate forme di comunicazione orientate soprattutto alla cooperazione e alla solidarietà, nonché modalità originali di competizione e di confronto con l’ambiente e gli oggetti.

pdf Libro Ferretti (179 KB)