Cerca nel sito

"Le persone che hanno la padronanza del loro corpo esercitano un certo fascino. Lo dimostrano gli spettatori che nelle strade applaudono un breakdancer particolarmente abile, gli artisti circensi o i freerunner famosi, come per esempio Damien Walters, sono cliccati centinaia di migliaia di volte. Questi «artisti del movimento», che ispirano i giovani a volerli imitare, dispongono di abilità senso-motorie (motor skill) che hanno imparato con tanta forza di volontà, resistenza e impegno."

Visita il sito di mobilesport

L’esercizio fisico, associato alla corretta alimentazione e a un atteggiamento mentale positivo, è un portentoso farmaco naturale senza effetti collaterali, una vera e propria «pozione magica».Da questa volontà nasce  un libro che spiega a chiunque come assumere il portentoso «farmaco» esercizio fisico, rivolgendosi tanto ai sedentari quanto a coloro che sono già fisicamente attivi, fornendo un prezioso sostegno motivazionale ad assumere e/o mantenere il corretto stile di vita.

Visita il sito libreria dello sport

Il diritto al gioco sta a cuore ai numerosi autori di questa storia, che prende forma in 80 giochi di movimento e nelle loro innumerevoli varianti e si rivolge a coloro che sono e si sentono educatori. Essa offre, con parole e immagini, un metodo nuovo per educare attraverso il movimento, dando al bambino gioia e nutrimento di competenze per la vita. Quest’opera è stata creata per far giocare i bambini, quindi è ricca di giochi. Ma non si limita a offrirne una valigia piena: consente di comprendere anche quale sia la logica di questi giochi, inventati o reinventati per dare al lettore le chiavi del movimento.

Libreriadellosport

Il tennis da tavolo è un’attività fisica molto ludica che, oltre a essere molto gettonata nei mesi estivi, aiuta a migliorare la coordinazione motoria. Non sono molti gli sport che si rivolgono ad un target eterogeneo e che possono essere praticati in luoghi e contesti così diversi. Il tennis da tavolo, infatti è un’attività che può essere svolta a ogni età e soprattutto in ogni dove: mare, piscina o palestra.

Visita il sito di mobilesport

Circa cent’anni fa, alcuni giocatori di pallavolo hanno deciso di uscire dalle palestre per provare a giocare sulla sabbia delle spiagge californiane e brasiliane. Il beach volley non è uno sport da praticare solo nel tempo libero, ma anche a scuola, come alternativa outdoor. Basta munirsi di pantaloncini, maglietta, occhiali da sole e protezione solare.Il presente tema del mese vuole sostenere i docenti a trasmettere questa affascinante disciplina sportiva agli allievi dalla quarta elementare alla quarta media in modo ludico, vicino alla realtà del gioco e con tanti contatti di palla per tutti. L’introduzione del beach volley nell’educazione fisica avviene a tappe tramite diversi esercizi semplici.Già dall’inizio si risponderà a domande come: «Che materiale occorre? Quali sono le regole? Quali tecniche usiamo che non si applicano alla pallavolo in palestra?». Anche alle differenze tra pallavolo e beach volley sarà accordata importanza sin dal principio. Inoltre, spiegheremo il gergo degli appassionati di questa divertente disciplina sulla sabbia. Si giocherà 2 contro 2 su piccoli campi da gioco.

Visita il sito di Mobilesport

Mario Bellucci, Roberto Gueli  - Il ruolo del movimento sui bisogni e sulle abitudini che condizionano la vita dei giovani (parte prima)
I giovani affrontano la quotidianità cercando di adattare al meglio gli impegni dello studio, le esigenze familiari, quelle sociali, i divertimenti e i passatempi, coordinando il tutto alle necessità del dormire e alle abitudini alimentari. Anche in età evolutiva, come in tutte le altre fasi della vita, è richiesto un equilibrio fra i doveri, le responsabilità, le distrazioni, i piaceri. Gli Autori espongono una breve e volutamente generica panoramica sui principali fattori che condizionano lo stile di vita giovanile, soffermandosi sull’importanza della consuetudine al movimento quale elemento cardine per contrastare la sedentarietà.