Cerca nel sito

In questi ultimi giorni numerosi articoli di giornale e siti riportano notizie circa l’inserimento dell’Educazione fisica nella scuola primaria per 2 ore la settimana, insegnata da diplomati ISEF – laureati in Scienze motorie, alcuni spingendosi addirittura a ipotizzare tempi e modalità certe fino all’assunzione di 12 mila insegnanti. Per non ingenerare facili aspettative (l’esperienza di questi ultimi 20 anni ci consiglia cautela) cerchiamo di vedere la situazione. - A maggio nel contratto di Governo firmato da Lega e 5Stelle Al punto 24 pag 46 SPORT – Società e associazioni sportive si legge: E’ necessario l’inserimento del laureato Scienze motorie nell’organico di ruolo della scuola primaria. Allo stesso modo occorre sostenere l’Educazione fisica nella scuola primaria. Bisogna prevedere misure per sostenere l’associazionismo sportivo scolastico. - Nel mese di luglio il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti presenta al Senato, le Linee programmatiche dell’Istruzione, che a pag 12 e 13 dichiarano: “Sarà altresì importante garantire ai ns studenti una sana e corretta educazione motoria. L’educazione a corretti stili di vita permetterà di lavorare su due piani per un’educazione motoria che agevoli la crescita armonica. Pertanto, oltre all’inserimento fin dalla scuola primaria di laureati in scienze motorie e sportive, è mia intenzione ridefinire e riorganizzare l’attività sportiva scolastica.

pdf Comunicato capdi 15 ottobre 2018 (1.36 MB)

 

  • Pinterest