Cerca nel sito

Alla ricerca di nuove conoscenze e del recupero di esperienze qualificanti. Questo è l’impegno della Scuola dello Sport per partecipare all’anno olimpico 2016. Nell’anno di Rio la Scuola dello Sport concorre infatti per superarsi con un’offerta formativa arricchita di oltre un terzo rispetto all’anno passato, come specificato nel Piano formativo 2016. Un impegno non banalmente cumulativo, ma garantito nella specificità di corsi e seminari mirati all’eccellenza, una scelta nella tradizione consolidata. L’asticella, anche questa volta, è fissata molto in alto, ma la direzione e lo staff della Scuola dello Sport sono impegnati lo stesso a superarla con l’orgoglio di onorare il confronto internazionale nella didattica sportiva, nel rispetto della tradizione del Comitato Olimpico Nazionale che mira a prestazioni uniche in ogni campo della sua azione. Vogliamo seguire la massima didattica: “Semplificare le difficoltà senza banalizzare il sapere”. -

Visita il sito della rivista SDS

"Chiunque può usare gli inline-skating. Non vi sono limiti di età e, per quanto riguarda i più giovani, non è obbligatorio essere accompagnati da un adulto. Il movimento su ruote e rotelle potenzia le nostre capacità coordinative. Una buona tecnica sugli inline-skating non regala soltanto maggior sicurezza ma anche un sano divertimento. Il gioco permette di acquisire i movimenti di base perché, prima di avventurarsi su strade trafficate, sentieri e stradine sterrate, è buona regola imparare la tecnica giusta. E ci sono numerosi esercizi che insegnano ad avanzare, frenare, ruotare e saltare. I primi passi si consiglia di muoverli nei cortili della ricreazione o in zone prive di traffico. Solo chi riesce a frenare rapidamente e a fermarsi in modo corretto, infatti, si sente sicuro e pronto ad affrontare gite e escursioni."

Visita il sito mobilesport

Il libro introduce, tramite il racconto e la testimonianza di un gruppo insegnanti, il metodo di lavoro "Educazione al Movimento Consapevole e Creativo". L'essere insegnante richiede una grande responsabilità umana, mette in gioco tanta parte di noi stessi, ci fa sentire a volte impreparati e sprovvisti di strumenti. E' comune a molti insegnanti vivere un senso di inadeguatezza, provare una sfiducia nel proprio modo di trasmettere, avere l'impressione di non essere in grado di gestire le dinamiche con gli alunni, di perdere l'entusiasmo e la motivazione dell' insegnare sentendo la mancanza degli stimoli e delle emozioni. Il metodo attraverso il movimento corporeo ed il teatro, apre nuove strade da percorrere e fornisce strumenti per sostenere e promuovere la crescita e l'agire creativo dell'insegnante, che a sua volta potrà poi contagiare l'allievo positivamente, favorendo la motivazione a voler apprendere e a conoscere la vita, aprendo il proprio cuore.
Elizabeth Koole, pp.80, colori, Carabà Edizioni, 2016
Per acquistarlo: http://www.caraba-edizioni.it/

pdf Educazione movimento consapevole (259 KB)

"Allenare la resistenza in modo ludico in gruppo aiuta a mantenersi in buona salute e in ottima forma e forgia lo spirito di gruppo, perché tutti contribuiscono a fornire delle prestazioni. L’accento è posto sul miglioramento della resistenza grazie ad un allenamento ludico che diverte i partecipanti. In questo tema del mese, gli esercizi sono scelti in modo tale da stimolare sia i principianti sia gli avanzati. I monitori possono adattare tutti i contenuti alle capacità del loro gruppo basandosi sul principio della variazione e dosando a dovere gli sforzi. L’obiettivo a lungo termine è che i partecipanti imparino ad esigere da loro stessi quanto basta, il minimo possibile, e che siano motivati a allenarsi regolarmente."

Visita il sito di mobilesport

L’acrobatica di gruppo ha più di un asso nella manica. Sviluppa gli aspetti sociali, fisici e psichici dei bambini, ciò che la rende una disciplina particolarmente apprezzata a scuola. Questo tema del mese, che è la seconda puntata di una trilogia, presenta delle lezioni da proporre a bambini dal sesto all’ottavo anno di scolarizzazione. L’età non ha alcuna influenza sull’obiettivo dell’acrobatica di gruppo. Piccoli e grandi vogliono sfidare l’equilibrio costruendo delle figure spettacolari e originali in coppia o in gruppo. In questo contesto particolare, non esistono avversari. Questa disciplina esige infatti sensibilità, rispetto e fiducia nei confronti degli altri, delle competenze indispensabili per riuscire nell’impresa, senza incidenti.

Visita il sito mobilesport

"Chi si allena regolarmente per mantenere la forza e l’equilibrio resta mobile e conserva la propria indipendenza fino a un’età avanzata. Insieme ad altri tre partner, l’upi e Pro Senectute Svizzera si sono posti l’obiettivo di motivare in particolar modo gli anziani a svolgere un allenamento regolare. Werner Schärer, direttore di Pro Senectute Svizzera, ci tiene a sottolineare questo aspetto: «Mi rifiuto di accettare che le cadute degli anziani siano ormai considerate quasi scontate. L’allenamento dell’equilibrio in piedi e mentre si cammina nonché l’esercizio della forza muscolare consente di evitarle.» Sul sito www.camminaresicuri.ch un team dimostrativo presenta 3×3 esercizi da svolgere a casa. Poiché praticare un’attività fisica in gruppo è molto più divertente che da soli, la campagna raccoglie i link di oltre 500 corsi sparsi su tutto il territorio nazionale. Dal Tai Chi alla danza, o alla ritmica Dalcroze: ce n’è per tutti i gusti. Inoltre, i corsi si basano sulle esigenze specifiche delle persone over 60."

Visita il sito