Cerca nel sito

Una disciplina nata negli anni Sessanta: lo streetskate! Lo inventarono alcuni surfisti californiani per poter continuare a «surfare» anche nelle giornate con poche onde. In pratica aggiunsero delle rotelle sotto la tavola da surf dello skateboarding è la libertà senza limiti che offre. Non si dipende né da allenamenti né da allenatori, e nemmeno da infrastrutture. Una superficie asfaltata è sufficiente per imparare i vari trick e anche per installarvi eventualmente dei piccoli ostacoli.

Visita il sito mobilesport

"In questa tabella viene mostrato un esempio di allenamento giornaliero di judo in cui si lavora sulla tecnica e sulla tattica. L’allenamento inizia con un riscaldamento e termina con il ritorno alla calma.Questo schema può essere utilizzato anche dagli adepti dello sport di massa, adattandolo – con alcuni piccoli accorgimenti – alla disciplina sportiva da loro praticata"

Visita il sito di mobilesport

Le metafore sono immagini che permettono di trasferire ad un oggetto il termine proprio di un altro, secondo un rapporto di analogia. In questo dossier presentiamo una serie di esercizi che spiegano come utilizzare le metafore nell’insegnamento di alcune discipline sportive. «Prova ad immaginarti il movimento di una ruota quando sollevi il braccio.» Ecco un esempio che dimostra come una metafora sia utile anche per eseguire correttamente un movimento apparentemente semplice. In ogni disciplina sportiva si possono individuare delle metafore che si adattano particolarmente all’insegnamento di movimenti specifici nelle discipline della ginnastcia agli attrezzi, nel nuoto, nel judo e jujitsu e nel tennis. Le metafore hanno due pregi: da un lato, favoriscono il collegamento tra il proprio sport e la realtà nella quale si vive quotidianamente – infatti, le metafore, di regola, si riferiscono ad oggetti e situazioni famigliari − e, dall’altro, aiutano a focalizzare l’attenzione su aspetti interiori del movimento, come il ritmo e la fluidità.

Visita il sito di mobilesport

Questo lavoro ha lo scopo di riportare all’attenzione dei docenti di Scienze Motorie e Sportive l’importanza dell’esercizio respiratorio. Insegnare, fin dall’età giovanile, gli esercizi di “ginnastica respiratoria” crea e consolida l’abitudine a respirare con una corretta dinamica, e inoltre, esercita un’influenza positiva sullo stile di vita della persona. La respirazione consapevole o, semplicemente, la richiesta di concentrarsi sulla respirazione è una costante in molte attività che spaziano dal gesto sportivo, agli esercizi di rilassamento, alle pratiche di training mentale, alle cosiddette ginnastiche dolci. Recenti studi confermano che il modo di respirare influisce direttamente sullo stato di salute; altri studi hanno dimostrato che l’allenamento dei muscoli respiratori migliora sia la funzionalità polmonare che la condizione fisica. La corretta dinamica respiratoria, inoltre, migliora la postura e più in generale influisce positivamente sullo stile di vita. Perché quindi non riconsiderare il ruolo della ginnastica respiratoria a scuola? 

pdf Ginnastica respiratoria (198 KB)

Alla ricerca di nuove conoscenze e del recupero di esperienze qualificanti. Questo è l’impegno della Scuola dello Sport per partecipare all’anno olimpico 2016. Nell’anno di Rio la Scuola dello Sport concorre infatti per superarsi con un’offerta formativa arricchita di oltre un terzo rispetto all’anno passato, come specificato nel Piano formativo 2016. Un impegno non banalmente cumulativo, ma garantito nella specificità di corsi e seminari mirati all’eccellenza, una scelta nella tradizione consolidata. L’asticella, anche questa volta, è fissata molto in alto, ma la direzione e lo staff della Scuola dello Sport sono impegnati lo stesso a superarla con l’orgoglio di onorare il confronto internazionale nella didattica sportiva, nel rispetto della tradizione del Comitato Olimpico Nazionale che mira a prestazioni uniche in ogni campo della sua azione. Vogliamo seguire la massima didattica: “Semplificare le difficoltà senza banalizzare il sapere”. -

Visita il sito della rivista SDS

"Chiunque può usare gli inline-skating. Non vi sono limiti di età e, per quanto riguarda i più giovani, non è obbligatorio essere accompagnati da un adulto. Il movimento su ruote e rotelle potenzia le nostre capacità coordinative. Una buona tecnica sugli inline-skating non regala soltanto maggior sicurezza ma anche un sano divertimento. Il gioco permette di acquisire i movimenti di base perché, prima di avventurarsi su strade trafficate, sentieri e stradine sterrate, è buona regola imparare la tecnica giusta. E ci sono numerosi esercizi che insegnano ad avanzare, frenare, ruotare e saltare. I primi passi si consiglia di muoverli nei cortili della ricreazione o in zone prive di traffico. Solo chi riesce a frenare rapidamente e a fermarsi in modo corretto, infatti, si sente sicuro e pronto ad affrontare gite e escursioni."

Visita il sito mobilesport