Cerca nel sito

"L’acrobatica di gruppo permette di sperimentare insieme usando i movimenti del corpo. Le figure sono preparate, svolte e presentate a coppie o in gruppo. L’acrobatica di gruppo offre l’opportunità unica di raccogliere esperienze fisiche che non rientrano nei movimenti quotidiani e che possono diventare spettacolari. Una particolarità di questi movimenti, a cui occorre portare particolare attenzione nell’insegnamento, sono i contatti fisici mirati e utili allo scopo finale. Per ottenere esperienze di successo, è fondamentale essere in grado di collaborare in modo funzionale con altre persone, in quanto coppia o gruppo. Fintanto che gli aspetti legati alla sicurezza sono rispettati, non vi sono limiti per creare e provare nuove forme."

Visita il sito di mobile

Educazione in gioco è la prima pubblicazione in lingua italiana a esporre in modo approfondito la teoria della prasseologia motoria, associandola alla ricerca sul campo. Si tratta di una nuova scienza, denominata anche «scienza dell’azione motoria», che studia da un punto di vista specifico la motricità umana, il funzionamento delle pratiche corporee, i contesti socioculturali e l’effetto delle condotte motorie sulla personalità degli individui. La prima parte del volume analizza oltre 200 giochi tradizionali praticati nella Svizzera italiana nella prima metà del Novecento: vengono esaminate forme di comunicazione orientate soprattutto alla cooperazione e alla solidarietà, nonché modalità originali di competizione e di confronto con l’ambiente e gli oggetti.

pdf Libro Ferretti (179 KB)

ll volume illustra i fondamenti delle scienze motorie e sportive. A partire dalla riflessione sui quadri culturali e storico-normativi che stanno alla base delle diverse teorie del movimento si giunge all’analisi di differenti metodologie e didattiche. Nell’introduzione si approfondiscono alcune criticità emerse da una ricerca empirica condotta nell’ambito dell’educazione motoria (intesa in senso generale come disciplina del movimento), quali la terminologia, chi, come, per quali scopi e competenze si insegna questa disciplina, il suo status in Italia, in Europa e nel mondo. Nella prima parte del volume si procede ad un’analisi sintetica dell’evoluzione delle attività fisiche nel tempo, e a partire dall’unità d’Italia (1861), delle leggi che hanno determinato i cambiamenti più significativi di questa disciplina, a cominciare dal nome: ginnastica, ginnastica educativa, educazione fisica, scienze motorie e sportive. La seconda parte presenta tre importanti prospettive di studio del movimento: biologico/anatomica, cui afferisce il termine educazione fisica; psico/corporea, cui si rifà il termine educazione psicomotoria; pedagogico/integrale, da cui deriva il termine scienze motorie e sportive. Per ciascuna prospettiva si propongono delle esemplificazioni.

pdf Libro Vicini (354 KB)

Nasce dall’esigenza di riportare questa disciplina nella sua reale e fondamentale sede di riferimento, fatta di tecnica, di scienza, di fisica, di biomeccanica ma soprattutto di passione. Tanti anni fa ci sono stati Autori, che fanno parte integrante della bibliografia di questo testo, che hanno posto le basi per quella che oggi è una disciplina scientifica, con una sua identità che le consente di restare unica ma che allo stesso tempo si identifica con le professioni sanitarie, con i tecnicismi più alti delle discipline sportive, dell’ingegneria meccanica ed energetica, con le teorie pedagogiche e psicologiche, con la didattica adattata e differenziata per tutte le età. Può sembrare una definizione presuntuosa ed eccessiva, ma l’attività motoria è una disciplina poliedrica e interdisciplinare.

pdf Dizionario delle scienze motorie (370 KB)

"Nel pattinaggio è molto importante imparare sin dall’inizio i movimenti chiave. Saper scivolare, saltare e roteare aiuta ad apprezzare subito le uscite sul ghiaccio. Diversi bambini disposti in fila uno dietro l'altro in posa sul ghiaccio.

Questa lezione, composta di una serie di esercizi effettuati con tappi di bottiglia, permette di allenare la forza, la mobilità e le capacità di coordinazione degli allievi in modo ludico.

Visita il sito di mobilesport