Cerca nel sito

Molti scalatori che raggiungono alte quote, soprattutto superiori a 7.000-8.000 metri, riferiscono di aver avuto allucinazioni. Poiché non tutte queste visioni si verificano in presenza del “mal di montagna”, gli autori di uno studio affermano che episodi di psicosi ad alta quota dovrebbero essere considerati un nuovo tipo di sindrome. Molti scalatori riferiscono che le loro allucinazioni consistono in persone che li aiutano a trovare la strada, anche se gli autori dello studio hanno scritto che le persone potrebbero essere incoraggiate a fare cose più pericolose e rischiose a causa delle visioni. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Psychological Medicine.

Visita il sito della rivista

  • Pinterest