Cerca nel sito

"Chi dorme a sufficienza fornirà prestazioni migliori in gara, riuscirà ad allenarsi meglio e correrà meno rischi di infortunarsi. Questo aiuto mostra come il sonno influisca sul recupero e sul ripristino delle facoltà psicofisiche. Quante ore per notte è necessario dormire per sentirsi in forma l’indomani? Non esistono regole, tuttavia alcune statistiche indicano che bisognerebbe dormire tra le sei e le dieci ore per notte. Ricordiamo inoltre che si parla di «sonno sano», quando ci si addormenta immediatamente e il sonno non viene interrotto per tutta la notte. Alla domanda «perché dormiamo?» la scienza non ha ancora dato una risposta precisa. Grazie alle conoscenze cui si è giunti finora si sa che grazie al sonno è possibile riordinare nella memoria le esperienze vissute durante la giornata e che scivolare nel sonno per troppe poche ore prima di una gara incide negativamente sulla forza mentale."

Visita il sito di mobilesport

 

"Bike2school vuole incoraggiare i bambini e gli adolescenti (dai 10 ai 16 anni) ad utilizzare la bicicletta per recarsi a scuola. Le abilità degli alunni e delle alunne nell’uso della bicicletta vengono consolidate e verificate prima del concorso.Nella fase di concorso le classi partecipanti vanno a scuola il più possibile in bicicletta durante due volte quattro settimane a scelta. Per ogni giorno di scuola in cui utilizza la bicicletta per recarsi a scuola ogni partecipante colleziona un punto e tanti chilometri quanti ne percorre. Le attività parallele dedicate ai temi ambiente, mobilità, sicurezza, salute e alimentazione rafforzano l’efficacia dell’azione bike2school."

Visita il sito di mobilesport

 

"Basta solo pensare  alle conseguenze che l’ansia può avere a livello di efficacia e/o estetica del gesto, particolarmente importanti in tutti gli sport nei quali contano la precisione-coordinazione e/o l’interpretazione, dalla ginnastica ritmica alla artistica e aerobica, ai tuffi in vasca, ecc."

Psicologia contemporanea n. 262 luglio/agosto 2017

Visita il sito della rivista

Il 50 percento delle lesioni al legamento crociato anteriori sopraggiunge fra i 15 e i 25 anni. Anche nei giovani sportivi le conseguenze possono essere molto gravi. Esistono comunque dei programmi di prevenzione per evitare il peggio. Le donne sono da quattro a sei volte più colpite da infortuni ai legamenti. La funzione del legamento crociato anteriore è molto importante per la mobilità del ginocchio. Garantisce la stabilità e il controllo di quest’ultimo durante movimenti di flessione, tensione e rotazione. Inoltre impedisce un trasferimento in avanti troppo brusco della tibia, nonché una tensione eccessiva del ginocchio durante i contatti al suolo.

Attraverso un processo di consapevolezza ed espressione corporea, si sostiene la persona ad accettare le proprie caratteristiche, a fidarsi delle proprie intuizioni e a credere nelle proprie azioni. Così facendo si mette in moto un’azione positiva che fa crescere la fiducia in se stessi stimolando le proprie forze espressive e creative. La lezione pratica sarà un'occasione per sperimentare alcune delle attività proposte e descritte nel libro.

pdf Locandina presentazione (296 KB)

Segnaliamo l'articolo: "A scuola senza sport: due ragazzi su tre non sanno fare una capriola ", pubblicato dal Corriere della sera, il primo maggio 2017. In questo link si puo vedere la video-intervista al nostro collega Gianni Alessio. http://educazionefisica.blogspot.it/2017/05/a-scuola-senza-sport-due-ragazzi -su-tre.html

Visita il sito del giornale