Cerca nel sito

"Le disposizioni per i tecnici federali che andranno nelle scuole sono offensive per i docenti e derisorie verso Ministero e il Comitato. Mentre, con fatica, cercavamo di analizzare il tomo Joy of moving redatto all’interno della politica sociale ed educativa della Ferrero abbiamo visto la nota della Fidal in merito alla sperimentazione “scuole aperte”. Tomo è il termine corretto perché oltre alle 640 pagine del libro esistono decine di filmati che ancor meglio spiegano l’insieme dei concetti teorici.

La fatica viene dal fatto che per comprendere il lavoro degli Autori e la finalità dell’opera è necessario applicarsi con la massima cura. Non è un manuale di esercizi da prendere e copiare, e non appena possibile cercheremo di spiegarne, ammesso di essere capaci, le notevoli qualità. Passare da un testo, che abbiamo detto, non facile alle linee guida della Fidal per la sperimentazione “scuole aperte” è come trovarsi improvvisamente dalla cima del Monte Bianco a correre su una pista di atletica calzando le pinne. Dimenticando quindi per un momento Joy of moving vediamo le ultime novità sulla sperimentazione. Prima di verificare le indicazioni sulle linee guida appena trasmesse ai Comitati Regionali è necessario un breve riassunto sui lavori in corso e sulle disposizioni attuali. – Le scuole aderenti restano in numero sconosciuto. Abbiamo provato in via ufficiale ad avere il numero senza riuscirvi. Sappiamo con certezza che anche qualche Federazione e qualche Ufficio Scolastico non riescono ad avere gli elenchi completi. Già perché è successo che ci sono molti dirigenti scolastici i quali, una volta letto il bando, non hanno confermato la propria adesione, data dalla sera alla mattina, su richiesta dei vari Uffici educazione Fisica. -Chi sono i tecnici federali che promuoveranno le discipline?" - Silvano Mombelli

pdf La sperimentazione Miur Coni e Fidal: scuole aperte allo sport, numero adesioni sconosciuto (103 KB)